Salta la barra di navigazione.

L' atomica della salute
Borgo Valsugana, 1953. Una storia di primati


 

Indice articoli


3 marzo 1957 – IL GAZZETTINO BORGO: La Commissione Finanze della regione al Centro per la lotta contro i tumori.




La commissione finanze e patrimonio della regione con a capo il presidente del consiglio regionale dott. Remo Alberini e l’assessore Sostituto dott. Salvatori che rappresentava l’avv. Bertorelle ha compiuto mercoledì scorso una visita ufficiale al centro per la Lotta contro i tumori dello Ospedale di S. Lorenzo per rendersi conto dello sviluppo raggiunto dalla istituzione divenuta una delle più quotate e meglio attrezzate della nazione.
Era presente anche il medico provinciale dr. Lovino. Ad accogliere i rappresentanti della Regione erano il Presidente dell’Istituto geometra Luigi Galvan, con i componenti il consiglio di amministrazione; il sindaco di Borgo, rag. Livio Rossi, il direttore sanitario dr. Giovanni Toller, il primario chirurgo dr. Helfer, il primario radiologo dr. Valdagni, il prof. Bonomini, consulente universitario del Centro e tutto il corpo ospedaliero.
Il Presidente ha fatto ai componenti la commissione una breve, ma efficace relazione mettendo in particolare risalto oltre allo sviluppo raggiunto dalla Istituzione e la sua ricca dotazione costituita dai più moderni e potenti apparecchi di diagnosi e di cura, lo sforzo finanziario compiuto dall’amministrazione per la realizzazione di questi risultati, sforzo che si compendia in queste cifre: spesa per la costruzione del nuovo padiglione ove ha sede il centro, acquisto degli apparecchi e delle attrezzature di contorno del centro: circa 220 milioni, dei quali 39 milioni finanziati con contributi regionali, 72 milioni con contributi dell’ACIS e 110 milioni interamente finanziati dall’ospedale mediante mutui che, per quote di ammortamento e interessi passivi gravano e graveranno sul bilancio dell’Ente per parecchi futuri esercizi.
E’ quindi seguita la vista al Centro ed all’ospedale, nel corso della quale i consiglieri regionali si sono vivamente interessati alle esposizioni loro fatte dai sanitari sia sul funzionamento degli apparecchi sia sui risultati conseguiti dopo 6 anni di attività.
Nelle sale dell’albergo Venezia i graditi ospiti hanno quindi partecipato ad un rinfresco, nel corso del quale il dr. Alberini, a nome dei colleghi del consiglio, ha espresso agli amministratori ed ai sanitari il più vivo compiacimento per i brillanti risultati raggiunti assicurando altresì la piena solidarietà degli organi della Regione ai fini di un semplice maggiore potenziamento della Istituzione, tanto utile e benefica.

Vedi articolo precedente; Vedi articolo successivo;
Indice articoli