Salta la barra di navigazione.

L' atomica della salute
Borgo Valsugana, 1953. Una storia di primati


 

Indice articoli


1 ottobre 1985 – IL GAZZETTINO: Da Seattle e da Stanford per fare il punto a Trento sulla dura lotta al cancro.




Dai due centri di ricerca sul cancro più importanti del mondo all’Oncologico del Santa Chiara per fare il punto sulle tecniche terapeutiche all’avanguardia nella lotta al male del secolo. Protagoniste dello stimolante incontro sono state ieri Sarah Donaldson, dell’Università di Standford in California (dove lavorano sei “Nobel”), uno fra i maggior esperti mondiali dei linfomi pediatrici e Jean Sanders, del gruppo di lavoro del Centro di Ricerca sul cancro di Seatlle.
L’incontro con le due giovani studiose è stata un’occasione per conoscere anche il livello di ricerca e soprattutto di gestione della lotta contro i tumori in Provincia.
Il linfoma di Hodgkin, una neoplasia delle ghiandole linfatiche, che negli Stati Uniti colpisce ogni anno 30 mila persone, registra in provincia un aumento medio di 50 casi l’anno. I successi ottenuti con la radioterapia associata alla chemioterapia, come ha spiegato la dott.ssa Donaldson, hanno portato risultati insperati in un tumore che fino a 15 anni fa era considerato incurabile.
La dottoressa Sanders ha parlato dei successi raggiunti con il trapianto del midollo osseo per curare le talassemie e le leucemie, in particolare nei bambini.
Se l’impegno nella ricerca può portare a così soddisfacenti risultati, il problema, per il primaio del centro oncologico, dott. Claudio Valdagni, è quello della gestione della lotta con strutture adeguate.
Le apparecchiature all’Oncologico ci sono, ha continuato il primario, ma poi si deve far fronte a problemi come la mancanza di personale e di organizzazione. S.M.

Foto. Le relatrici al convegno organizzato dal centro oncologico di Trento, Jean Sanders del Centro per la ricerca sul cancro di Seattle (prima a sinistra), Sarah S. Donaldson dell’università di Standford (terza a sinistra). Assieme a loro il primario oncologico di Trento Claudio Valdagni.

Vedi articolo precedente; Vedi articolo successivo;
Indice articoli