Salta la barra di navigazione.

L' atomica della salute
Borgo Valsugana, 1953. Una storia di primati


 

Indice articoli


1 ottobre 1985 – ALTO ADIGE: Ospiti del prof. Valdagni due note studiose.




Dagli USA al Santa Chiara per la ricerca sul cancro
I progressi nel trapianto di midollo osseo – poco personale


Due autorevoli rappresentanti della medicina americana Jean Sanders e Sarah Donaldson, rispettivamente del centro di ricerca sul cancro di Seattle nello Stato di Washington e di Stanford in California, sono state ospiti del convegno organizzato presso il centro di oncologia dell’ospedale Santa Chiara di trento. Due i temi dell’incontro: le nuove frontiere del trapianto del midollo osseo e del linfoma di Hdgkin, un tumore incurabile e ad esito fatale fino a una quindicina di anni fa.
In America ogni anno si registrano circa 30 mila casi di linfoma di Hodgkin, nella nostra provincia i malati sono una cinquantina. E’ una malattia che colpisce persone giovani, ma alla luce delle attuali conoscenze può essere oltre che curata addirittura guarita se presa in tempo.
Per quanto riguarda invece i trapianti di midollo osseo, che potrebbero assicurare un lungo periodo di sopravvivenza in particolare ai malati di leucemia, gli studi e i risultati conseguiti dal gruppo di ricerca della dottoressa Jean Sanders sono notevoli.
La medicina, lo hanno confermato le due affermate ricercatrici statunitensi, sta facendo grossi passi avanti nella cura e nella guarigione di malattie che solo qualche anno fa erano fatali, ma per poter poi applicare nel concreto i risultati ottenuti ci vogliono strutture e fondi per mandare i nostri medici all’estero. “Quanto a strutture – ha detto il professor Claudio Valdagni primario del centro oncologico del Santa Chiara – il nostro centro contro i tumori non ha nulla da invidiare ad altri ospedali magari più noti. E i malati di cancro possono oggi essere curati tutti al Santa Chiara. Anche i tumori toracici, che qualche anno fa venivano inviati in altri ospedali attualmente si è in grado di curarli a Trento”. Esiste però un grande problema: manca il personale.

Vedi articolo precedente; Vedi articolo successivo;
Indice articoli