Salta la barra di navigazione.

scheda

Locandina evento



90° della Grande Guerra - conferenze, mostre, teatro

Informazioni: Biblioteca di Borgo Valsugana, tel. 0461/754052.
In allegato: il depliant completo della rassegna (File PDF)

Calendario prossimi appuntamenti:

10 ottobre 2008

1915 - 1917
Sala riunioni, Telve (Tn). Ore 20.30.
Con Paolo Monelli tra Valsugana, Lagorai ed Ortigara. La riscoperta dell'archivio fotografico dell'autore de "Le scarpe al sole" Conferenza di Luca Girotto.


linea


11 ottobre 2008

Inaugurazione della mostra: Carzano in Galleria – Valsugana - fronte di guerra 1917 Il sogno svanito
Gallerie Piedicastello, Trento. Ore 17.00.
Pullman per Trento: partenza dalla Biblioteca di Borgo V. alle ore 14.00 rientro ore 19.00, con visita guidata. Prenotazione obbligatoria presso la Biblioteca di Borgo Valsugana, fino ad esaurimento posti. Apertura mostra dal 12 al 26 ottobre - orario: dalle ore 9.00 alle ore 18.00 – chiuso il lunedì.

linea


17 ottobre 2008

Presentazione del libro: gli oggetti raccontano la Grande Guerra
Saletta della Mostra Permanente della Grande Guerra in Valsugana e Lagorai, Borgo Valsugana (Tn). Ore 20.30.

linea

31 ottobre 2008

Paesaggio di frontiera
Spazio LivioRossi, Borgo Valsugana (Tn). Ore 18.00.
Inaugurazione della mostra fotografica Paesaggo di frontiera di Giampietro Agostini. Apertura: mercoledì 10-12, giovedì sabato e domenica 16-19, chiuso lunedì e martedì. Dal 1 novembre fino al 6 gennaio 2009.

linea


1 novembre 2008

Inaugurazione mostra fotografica
Borgo Valsugana (Tn).
Ore 17.00: apertura Mostra Permanente della Grande Guerra in Valsugana e sul Lagorai;
Ore 18.00: presentazione della Mostra Fotografica presso l'Auditorium del Comprensorio C3;
Ore 19.00: inaugurazione della mostra“1915-1918 AL FRONTE CON PAOLO MONELLI - Valsugana, Lagorai, Ortigara. – I luoghi ed i volti di “Le scarpe al sole”presso Spazio Klien.
Orari di apertura dal 02/11 al 07/12: ore 10-12 / 16-19 dal martedì al sabato, 10-12 domenica, chiuso lunedì.

Progrogata fino al 13 dicembre
l'apertura della mostra “1915-1918 AL FRONTE CON PAOLO MONELLI - Valsugana, Lagorai, Ortigara. – I luoghi ed i volti di “Le scarpe al sole”

“Le scarpe al sole”, l’opera prima di Paolo Monelli pubblicata per la prima volta nel 1921 e più volte rieditata fino ad oggi, più che un libro di guerra è “il” libro che ogni appassionato di storia della Grande Guerra nel Trentino custodisce nella propria biblioteca tra i mostri sacri della memorialistica bellica. Ambientato in buona parte nella Valsugana del 1915 e sui monti circostanti durante le aspre battaglie del Lagorai (1916) e dell’Ortigara (1917), l’agile volumetto ha deliziato generazioni di lettori con la sua “Cronaca di gaie e tristi avventure d’alpini, di muli e di vino”, come recita il sottotitolo.

Dai pinnacoli granitici e dai purissimi laghetti di Cima d’Asta alle ben fornite cantine di Marter, dalle desolate ma ancora imponenti rovine dell’Hotel Terme in Roncegno agli assalti sanguinosi sulle rocce del Cauriol, fino alle tragiche ed eroiche giornate dell’Ortigara, un testo vivido, immediato, senza inutili orpelli, segue l’ accidentato percorso bellico che in nemmeno tre anni trasformerà l’imberbe aspirante ufficiale in un esperto comandante di plotone alpino.

Le zone famose del Trentino Orientale, sulle balze delle “Fassaner Alpen” o Alpi di Fassa come erano allora chiamati i Lagorai, con l’incantevole Val Calamento, forcella Magna, monte Setole, cima Valpiana, Cauriol, Cengello, Passo Cinque Croci, sono i toponimi che infarciscono la narrazione monelliana e che ad ogni appassionato di montagna e di storia evocano tanto gli ameni panorami escursionistici attuali quanto i campi trincerati e le battaglie di novant’anni addietro. E la contestualizzazione geografica, rigorosamente dettagliata e ciononostante perfettamente inserita nella prosa narrativa, costituisce uno dei principali punti di forza dell’opera.

Eppure un cruccio, particolarmente sentito dagli appassionati di memorie di guerra, aveva sempre accompagnato la lettura di questo capolavoro della memorialistica bellica italiana: perché un autore così pignolo, rigoroso e puntuale, abilissimo nell’uso della macchina fotografica come in quello della penna, non arricchì mai le svariate ristampe ed edizioni successive del suo capolavoro con una qualsivoglia iconografia? Aveva forse Monelli evitato di fissare su lastra le sue peripezie di guerra? Aveva per caso iniziato egli la sua carriera di fotografo, amatoriale ma d’alto livello qualitativo e soprattutto quantitativo, solamente nel primo dopoguerra?

A novant’anni dalla conclusione della Grande Guerra i quesiti sopra richiamati parevano destinati ormai a rimanere senza risposta. Finchè, nel corso del 2007, il triestino-tesino Giuseppe Ielen e lo storiografo trentino Luca Girotto, riuscirono ad avviare una collaborazione con la biblioteca statale A. Baldini di Roma, articolazione del Ministero dei Beni Culturali, per una razionale organizzazione del “fondo fotografico Monelli” ivi costituito nel corso degli anni ’80 e ’90 relativamente alla Grande Guerra. La poca o nulla conoscenza dell’area geografica oggetto delle immagini, come le scarse informazioni disponibili sul conflitto in queste zone, avevano peraltro complicato la precisa identificazione di personaggi e luoghi immortalati dal giovane sottotenente appena giunto al fronte.

Ma personaggi e luoghi monelliani erano, e sono, il pane quotidiano degli appassionati che sotto l’egida dell’ Associazione Storico Culturale della Valsugana Orientale (ASCVOT) da anni studiano e analizzano i vari aspetti dell’evento epocale costituito dalla prima guerra mondiale nel ristretto ambito del Trentino orientale. Grazie al coinvolgimento dell’ASCVOT e alla disponibilità della direzione della biblioteca A. Baldini nelle persone della direttrice dr. sa De Vincentiis e della dr.sa Casali, la collaborazione a distanza, fatta di ricerche archivistiche e di ricognizioni sul terreno, ha permesso innanzitutto una riscoperta ed il riordino ragionato del “fondo fotografico Monelli” per la parte relativa alla Grande Guerra, con la didascalizzazione corretta di tutte le immagini disponibili relativamente a geografia, personaggi, epoca ed eventi. Da questo seme è poi nata l’iniziativa della mostra fotografica 1915-1918 AL FRONTE CON PAOLO MONELLI - Valsugana, Lagorai, Ortigara. – I luoghi ed i volti di “Le scarpe al sole”, che raccoglie una selezione di quasi 240 immagini tra le più significative della quasi mille della raccolta monelliana. A completamento naturale del percorso collaborativo è giunto infine il catalogo della mostra, prestigioso augurio per ulteriori proficue valorizzazioni di un patrimonio storico e di memoria per troppo tempo rimasto ad impolverarsi nelle soffitte della Storia.

Luca Girotto


linea


13 novembre 2008

Prima Guerra
Teatro del Polo Scolastico, Borgo Valsugana (Tn). Ore 20.45.

Spettacolo teatrale Cooproduzione Provincia autonoma di Trento, Coordinamento Teatrale Trentino e Comune di Borgo Valsugana. Ingresso a pagamento.

linea


21 novembre 2008

“Il crollo finale” Dal Grappa a Trento, la fine dell’impero sul fronte della Valsugana
Sala Polivalente, Castelnuovo (Tn). Ore 20.30.
Conferenza di Paolo Pozzato.

linea


28 novembre 2008

Sulla torre del castello il tricolore
Sala Polivalente, Carzano (Tn). Ore 20.30.

"Sulla torre del castello il tricolore" di Luigi Sardi.

linea


5 dicembre 2008

1914-1918 Salvi iddio l’Austriaco Regno
Sala della Biblioteca, Grigno (Tn). Ore 20.30.

Il trentino e gli asburgo nelle foto di soldati e ufficiali austroungarici durante la Grande Guerra, conferenza di Lodovico Tavernini.

linea