Salta la barra di navigazione.

scheda

Locandina rassegna






Artisti in Valsugana - Tra ottocento e novecento

In mostra dall'11 luglio al 16 agosto 2015 presso lo Spazio Klien, piazza Degasperi/Antica Pieve, Grigno, Borgo Valsugana (Tn).
Inaugurazione sabato 11 luglio: ore 17.30 Spazio Klien Borgo Valsugana, ore 19.00 Antica Pieve Grigno, ore 21.00 Chiesa parrocchiale Grigno con concerto del complesso “A. Corelli” .
Orari: 10-12 e 16-19 / Sabato 15 agosto aperto / Chiuso il lunedì.

Nuovamente, dopo il grande successo della mostra “I Campestrini tra pittura e poesia”, si ripresenta in Valsugana una mostra di ampio respiro e dall’ambizioso obiettivo: tracciare una linea artistica lunga circa due secoli attraverso le opere dei pittori che sono nati e di quelli che hanno operato nella Vallis Ausuganea.
Come il fiume Brenta, che da ovest ad est segna la Valle, anche la mostra “Artisti in Valsugana tra Ottocento e Novecento” segna il percorso vivo ed estroverso di una brulicante e fervida attività creativa. Dai Prati, Eugenio, Giulio Cesare e Romualdo, ispirati dal più genuino sentimento per la luce ed il colore; alle complesse concatenazioni cromatiche di Bonazza; alla ricerca di Garbari, che affonda lo studio nelle radici della discendenza retica delle popolazioni delle Alpi centro-orientali; allo sfaldarsi della figura e del paesaggio di Dallabrida e, via via, passando da A.D. Campestrini, Ulvi Liegi, Orazio Gaigher, Francesco Danieli, Carlo Donati, Oddone Tomasi, Wenter Marini, Guido Polo e Raffalele Chiletto si approda, per una tappa ristoratrice, al razionalismo coloristico di Senesi, dove sia il paesaggio che la figura, presupposti fino ad ora imprescindibili, sono completamente assenti. Riprendendo il viaggio dei naviganti fluviali si approda al doveroso omaggio a Orlando Gasperini, artista dallo sguardo profondo ed ironico, scomparso nel 2008. Le opere sono accolte nell’ormai collaudato e blasonato Spazio Klien a Borgo Valsugana ed a Grigno, nella suggestiva Antica Pieve dei Santi Giacomo e Cristoforo, chiesa sconsacrata risalente al XIII-XIV secolo, dove gli affreschi in essa contenuti fanno da ideale cornice temporale alle opere esposte.
Un caloroso ringraziamento è dovuto a tutti coloro che si sono operati, con passione e dedizione, alla ideazione e realizzazione della mostra e del catalogo.

 

l