Salta la barra di navigazione.

scheda

Locandina rassegna






Incontro con Marco Olmo. Un operaio diventato campione del mondo di corsa in montagna

QUANDO: 29 ottobre 2011, ore 21.00
DOVE: Teatro di Tezze di Grigno (Tn)

Marco Olmo (Alba, 1948) è una leggenda della corsa in montagna e la sua fama ha valicato ormai i confini nazionali. La storia di questo corridore è particolarissima: Olmo ha iniziato a correre tardi, quando gli altri cominciavano a smettere, e nel corso degli anni ha ottenuto numerose vittorie e ottimi piazzamenti in tutto il mondo: Spagna, Francia, Libia, Giordania, Oman, Marocco, Namibia, Islanda.
Prima contadino, poi camionista e operaio nella cava di cemento del suo paese – Robilante (Cuneo) –, Olmo è diventato campione del mondo di corsa in montagna a quasi 60 anni vincendo per due volte consecutive (nel 2006 e nel 2007) l’Ultra Trail du Mont Blanc, una delle gare di resistenza più importanti al mondo, una corsa ininterrotta di oltre venti ore attorno al massiccio più alto d'Europa.
Da oltre venti anni il runner di Robilante segue una strettissima dieta vegetariana e, a differenza di moltissimi atleti, fa tutto da solo: niente allenatori, niente dietologi, nessuna tabella, ma solo grande determinazione e costanza nell’allenamento.
Questo personaggio e la sua singolare biografia si contrappongono in modo netto alla degenerazione affaristico-spettacolarizzante degli sport più seguiti e cozza contro l’ostentato giovanilismo che coinvolge il mondo dello sport, e non solo.

Invitato dalla Biblioteca Pubblica Comunale “Orlando Gasperini” di Grigno e dall’Associazione Sisampa, Olmo torna in Trentino, dopo essere stato ospite dell’ultimo TrentoFilmFestival, per un incontro pubblico sabato 29 ottobre 2011 alle ore 21.00 presso il Teatro di Tezze di Grigno.

Durante la serata verrà proiettata una breve clip di presentazione de “Il corridore”, documentario sulla vita di Marco Olmo realizzato da Paolo Casalis e Stefano Scarafia e verrà presentato il libro-intervista “Correre è un po’ come volare” di Franco Faggiani.