Salta la barra di navigazione.

scheda

Locandina rassegna

















Shoah: infanzia rubata

L’Amministrazione di Roncegno Terme segnala un importante appuntamento per ricordare insieme la Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia del 20 novembre 1989 e la figura del pedagogo polacco Janusz Korczak, ispiratore della Convenzione.

La mostra "Shoah: infanzia rubata" presso la Sala tre Castelli a Roncegno Terme dal 20 al 27 novembre, aperta dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 18, domenica 25 novembre chiusa. Ingresso libero e gratuito.

L’esposizione ripercorre idealmente la negazione dei diritti fondamentali dei bambini ebrei durante gli anni della persecuzione nazifascista, quali il diritto al gioco, alla dignità, alla salute, all’identità, all’istruzione, alla libertà, alla tutela e, per ultimo, alla vita. La mostra mette in evidenza le dure condizioni e le terribili costrizioni alle quali erano sottoposti i bambini e i ragazzi di religione ebraica durante quegli anni e documenta il tragico sterminio di bambini e adolescenti fra il 1933 e il 1945, quando l'Europa fu sconvolta dal regime nazista: dei sei milioni di ebrei uccisi 1.500.000 erano minorenni.
Si contrappone a tale orrore la grande figura del pedagogo polacco Janusz Korczak, ispiratore dell’attuale Convenzione Internazionale dei Diritti dei Bambini, che lottò fino all’ultimo per alleviare le sofferenze dei bambini del suo orfanotrofio, situato nel Ghetto di Varsavia.
Mostra realizzata dall’Associazione Figli della Shoah con il contributo del Fondo Internazionale di Assistenza alle Vittime del Nazismo, Legge 249/2000 e della Conference on Jewish Material Claims Against Germany.

 

lS€Š