Salta la barra di navigazione.

scheda

Ferdinando Antonio Bassi, Madonna dell’Aiuto, 1846, olio su tela – Torcegno - Foto di V. Fabris






Palazzi Aperti - Maggio 2010. I beni culturali della Valsugana Orientale

L’edizione 2010 di palazzi aperti continua il proprio itinerario di scoperta e di approfondimento che ci accompagna attraverso situazioni che non conosciamo appena: luoghi della nostra memoria distanti, inconsueti, non sempre aperti al pubblico o che normalmente non frequentiamo. Già questa sarebbe una ragione sufficiente per giustificare la nostra curiosità e il nostro interesse, l’idea di colmare quel senso di estraneità fra noi ed i luoghi che ci appartengono. Dedicare attenzioni a ville e parchi- anche se in chiave architettonica e filologica – potrebbe però sembrare un modo per fuggire alla realtà: un modo per evadere dalla realtà dai suoi problemi, dai luoghi nei quali la storia si è sedimentata davvero. Non è così. La cultura umana ha spesso fatto i conti con i giardini: il giardino è un mito ricorrente nella storia delle religioni, nella filosofia, nella letteratura. Non è banale cercare di capire come questi significati – numerosi e spesso distanti – possano essere riscoperti. Non è inutile cercare di capire quale sia la loro attualità.

La convinzione che c’è nel programma 2010 di palazzi aperti è che il giardino, il parco, l’orto, il paesaggio antropizzato siano luoghi nei quali si rivela qualcosa di inaspettato e necessario: coltivare il giardino non vuol dire allontanarsi dal mondo, ma prendersi cura di se, ritrovare un rapporto con la terra, con il lavoro manuale, con la bellezza e con la lentezza, con tempi e ritmi compiutamene umani.

Palazzi Aperti 2010 è un nuovo contributo per ritrovare il significato e la trama sottile di una relazione con l’ambiente che stiamo forse perdendo per la prevalente superficialità e per l’opportunismo che, sempre più spesso, la caratterizzano.

In programma:

Sabato 15 maggio ore 20.30 – Corte di casa Galvan – Borgo Valsugana, concerto di Pier Didoni - classico, jazz, progressive ed etnico.

Domenica 16 maggio ore 18.00 – giardino del Santuario di Onea – Borgo Valsugana, Concerto della Banda civica di Borgo Valsugana.

Venerdì 21 maggio ore 20.30 - Sala riunioni del Municipio di Roncegno Terme - Presentazione del primo volume della Guida dei beni culturali della Valsugana Orientale curata da Vittorio Fabris.
Sabato 22 maggio ore 18.00 - presso la Vecchia Pieve di Grigno: Presentazione del secondo volume della Guida dei beni culturali della Valsugana Orientale – a cura di Vittorio Fabris.

Sabato 22 e domenica 23 maggio dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00 apertura straordinaria di: Oratorio di San Rocco (Borgo Valsugana), Santuario di Onea (Borgo Valsugana), Spazi LivioRossi (Mostra dell’artista Érik Samakh - Borgo Valsugana), Casa Andriollo - Soggetto Montagna Donna (Borgo Valsugana), Mostra permanente della Grande Guerra in Valsugana Orientale e in Lagorai (Borgo Valsugana), Spazio Klien (Mostra Luci ed ombre del legno - Borgo Valsugana), Parrocchiale di San Leonardo (Castelnuovo), San Valentino (Scurelle), Santa Giustina (Telve), Cappella di Maria Ausiliatrice (Torcegno), Chiesa della Rocchetta (Ospedaletto), Vecchia Pieve SS. Giacomo e Cristoforo (Grigno) e Chiesa Madonna delle Neve (Carzano).

La visita guidata (domenica 23 maggio dalle ore 14.00) prevede il seguente itinerario: Oratorio di San Rocco (Borgo Valsugana), Parrocchiale di san Leonardo (Castelnuovo) - Chiesa Madonna delle Neve (Carzano) - Santa Giustina (Telve) - Cappella di Maria Ausiliatrice (Torcegno), dove la visita si concluderà con breve momento musicale.

Visita guidata gratuita per domenica 23 maggio (con pullman con partenza da Borgo V., Oratorio di S. Rocco alle ore 14.00) – Prenotazione obbligatoria (entro giovedì 20 maggio) presso la Biblioteca di Borgo Valsugana – 0461/754052 - mail : sistemaculturale@biblio.infotn.it